SACI Blog

Alumni & Exhibitions

SPAZIO_TRACCIA Opens September 5 at SACI Gallery

Martina Bartolini, Fabiola Campioli, Olivia Kasa, Luca Matti, Leonardo Moretti, Miriam Poggiali, Gianluca Tramonti

Martina Bartolini

 

Fabiola Campioli

Olivia Kasa

Luca Matti

Leonardo Moretti

Miriam Poggiali

Gianluca Tramonti

"Spazio_Traccia" a group exhibition of emerging italian artists curated by Leonardo Moretti opens September 5th at 6PM in the SACI Gallery

Opening Reception: Wednesday, September 5 at 6pm
On View: September 5 - October 6, 2018
SACI Gallery
Via Sant'Antonino 11
Florence, Italy

Spazio_Traccia (Space_Trace) is a result of a reflection on contemporary social dynamics and on the technological network in which our own inter/actions confine us. Every day we interact with the world around us and inhabit our spaces in an increasingly interconnected and shared manner. The digital era reflects us like chimeras in a "world-other" as we are inevitably becoming altered reflections of a constantly evolving narcissus. To what extent can this escalation arrive? When does a real connection occur?    The works of seven selected artists: Martina BartoliniFabiola Campioli, Olivia Kasa, Luca Matti Leonardo Moretti, Miriam Poggiali and Gianluca Tramonti are intertwined around this theme and want to uncover a nerve, aestheticize a structure that is already aesthetic. The artists are looking to underline a morbid, almost alienating situation, of a world that is constantly multiplying, expanding and stratifying itself, exposing also the definition of the self to this fragmentation in which a mute dynamic becomes an image. Using a trace to create the space.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

(Italiano)

 

 

Spazio_Traccia nasce da una riflessione sulle dinamiche sociali contemporanee e sulla rete tecnologica nella quale il nostro stesso agire ci confina. 
Quotidianamente abitiamo il mondo, i nostri spazi, i luoghi delle nostre banalità in maniera sempre più interconnessa e condivisa. L’era digitale ci rispecchia come delle chimere in un "mondo-altro", come riflessi sempre più alterati di un Narciso in continua evoluzione. Ma fino a che punto questa escalation può arrivare? Quando il nostro essere trova veramente un contatto? Il lavoro degli artisti selezionati: Martina BartoliniFabiola Campioli, Olivia Kasa, Luca Matti, Leonardo Moretti, Miriam PoggialiGianluca Tramonti, si intreccia attorno a questa tematica e vuole scoprire un nervo, estetizzare una struttura già di per sé estetizzante, cercando di sottolineare una situazione morbosa, quasi alienante, di un ripetersi di un mondo che si dilata e si stratifica, al quale affidiamo la definizione del sè, mentre questo si frammenta, si ribalta e si moltiplica. Una dinamica ovattata che si fa immagine, cercando di creare spazio con la propria traccia.

 

 


Share
this page